Write CSS OR LESS and hit save. Rita Bernardini sarà ricevuta il 22 dicembre alle 11:30 dal Presidente Conte a Palazzo Chigi. Abbiamo presentato una denuncia penale ed esposti disciplinari e la sintesi e’ che dal primo giorno che hanno accusato il padre e sono finiti dai nonni paterni, genitori del sospetto pedofilo, la nonna ha chiesto di modificare la loro versione. Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print. Per sostenere questi bambini il Comitato madri unite contro la violenza istituzionale ha lanciato uno sciopero a staffetta per i bambini di Cuneo. Fratellini di Cuneo allontanati dalla madre, il richiamo della Procura dei minori: “Ecco perché quei bambini non dovevano finire sui social” Non posso nemmeno sapere in che comunita’ siano finiti, come fossi la peggiore dei criminali. I bimbi hanno iniziato lo sciopero della fame il 15 luglio e noi li supportiamo facendo la nostra parte con lo sciopero della fame. L’aria di Bra val bene uno sciopero della fame (e della sete)! Non si arrendono i quattro fratelli di Cuneo e chiedono giustizia, chiedono di tornare a casa dalla loro madre. 4 fratelli iniziano lo sciopero della fame perché vogliono vedere la loro... BAMBINO TOLTO ALLA MADRE E CONSEGNATO AL PADRE DEL QUALE HA PAURA, FERMATE IL DECRETO PILLON, NON DEVONO MORIRE ALTRI BAMBINI COME IL MIO FEDERICO| FOTO, FIGLI COME “BOTTINO DI GUERRA” DI GENITORI IMMATURI: è VIOLENZA E VA PUNITA, Rabbia dei bambini: come gestirla secondo i consigli degli esperti, Scelta nomi per bambini | Ecco come lo chiameremo, Cosa succede se un uomo si sottopone a un test di gravidanza? Alcune colleghe,tra cui la presidentessa Alessandra Gammino ,hanno intrapreso da 10 giorni lo sciopero della fame; le Istituzioni non si sono fatte presenti in nessun modo. Uno sciopero della fame a staffetta per supportare i quattro bambini di Cuneo già tolti prima alla madre e poi ai nonni paterni per essere collocati in quattro diverse case famiglie. Quattro bambini di Cuneo stanno facendo uno sciopero della fame perché non possono vedere la loro madre. Estate 2020. In un suo post la deputata ha riassunto la storia dei ragazzi, concludendo con “questa non è tutela dei minori!Questa è violenza, è una punizione nei loro riguardi. A mamma Maria i figli mancano già dal 2 dicembre scorso quando, a seguito di un decreto del Tribunale ordinario erano stati collocati nella casa dei nonni paterni. nr 33313 Loro hanno invece sempre ribadito la verita’ e sono stati minacciati che sarebbero stati mandati in strutture extrafamiliari, cosa che e’ avvenuta”. Scopriamolo, “Mia mamma uccisa dai negazionisti del Covid”: la rabbia di una figlia, Richiamo prodotto alimentare per bambini: marca e lotto interessati. I bimbi hanno denunciato abusi da parte del padre e sono stati puniti per non aver ritrattato. Dal 15 luglio i quattro ragazzi hanno iniziato lo sciopero della fame e noi tutti abbiamo il dovere di fare qualcosa per questi bambini supportando loro e la loro mamma affinché le istituzioni mettano fine a questo scempio indegno di un Paese civile. Dal 15 luglio i quattro bambini hanno iniziato lo sciopero della fame. I bimbi hanno iniziato lo sciopero della fame il 15 luglio e noi li supportiamo facendo la nostra parte con lo sciopero della fame. Della vicenda si è interessata anche la deputata Veronica Giannone. Accade a Cuneo. I bambini sono stati sottratti alla madre per un decreto firmato da una giudice onoraria, un’ex assistente sociale. Quattro bambini di Cuneo stanno facendo uno sciopero della fame  perché non possono vedere la loro madre. Durante la navigazione potranno essere installati sul tuo dispositivo cookie tecnici, analitici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di Zerouno TV e di terze parti al fine di proporti pubblicità in linea con i tuoi interessi. In una delle ultime lettere questi bambini hanno detto di aver iniziato lo sciopero della fame, che quindi è iniziato il 15 luglio scorso, per poter rivedere la loro madre. credits Adobe Istock Unimamme, in questo momento ci sono 4 fratellini originari di Cuneo che stanno affrontando una prova molto dura per ricongiungersi alla loro madre. Roma, sciopero della fame alla mensa scolastica: bimbi non soddisfatti del cibo. Attendo con ansia lunedi, solo allora l’assistente sociale mi dira’ cosa hanno deciso e a lei chiedero’ di poterli vedere. Inotre tutti i magistrati che si sono occupati della vicenda non li hanno mai sentiti direttamente. L’avvocato di questa mamma, Domenico Morace ritiene che l’ordinanza del Tribunale dei minorenni sia assurda sul piano del diritto e storico. E' il primo giorno di digiuno per l'avvocato cuneese Barbara Lettieri, che ha deciso di aderire all'iniziativa "Stop Opg", la staffetta del digiuno contro il ritorno alle vecchie norme sugli ospedali psichiatrici giudiziari. I 4 bambini, la più piccola di soli 6 anni, erano stati tolti prima alla madre e poi ai nonni paterni per essere collocati in quattro diverse case famiglie. La presidente di Movimentiamoci ci fa sapere che in questi giorni, dopo il lancio della sciopero della fame a staffetta, arrivano decine e decine di adesioni di persone e associazioni scandalizzate per la gestione del caso dei bambini strappati di Cuneo: oramai sono 200 le persone che partecipano alla staffetta che si concluderà questo fine settimana sabato 25 luglio 2020. C’è una madre che lotta per riportare a casa i suoi quattro figli, il più grande a 16 anni la più piccolina ne ha 6. Da Vicenza a Cuneo lo sciopero della fame per i 4 bimbi strappati alla madre. L’avvocato Morace ritiene che questi bambini stiano subendo una tortura. Continua ormai da oltre una settimana lo sciopero della fame a staffetta a sostegno dei 4 fratelli e sorelle di Cuneo, separati dalla mamma. Quattro fratelli di Cuneo, strappati alla madre per aver denunciato il padre, iniziano il digiuno. Aderiamo alla staffetta dello sciopero della fame per quattro bambini (fratelli) di Cuneo. Unimamme, in questo momento ci sono 4 fratellini originari di Cuneo che stanno affrontando una prova molto dura per ricongiungersi alla loro madre. L’iniziativa è stata lanciata dalla deputata del Gruppo Misto Veronica Giannone, che è anche segretario della Commissione Bicamerale per … Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia. Questa vicenda ha avuto origine quando 4 bambini, Giacomo di 11 anni, Laura di 14, Carlo di 16 e Gianna di 6 (i nomi sono inventati) sono stati sottratti alla custodia della mamma dopo che avevano riferito di aver subito violenze sessuali da parte del padre. Sono disposti a fare lo sciopero della fame solo per essere ascoltati. La madre, in un video di Dire ripreso da Repubblica ha lanciato uno straziante appello, chiedendo di poter rivedere i suoi bambini e che non cederà, che farà il possibile per riportarli a casa. (il mio pezzo per Ultima Voce) Il doloroso sciopero della fame dei bambini. Al loro fianco anche dei politici, tra cui il cuneese Andrea Olivero A fine marzo una relazione del neuropsichiatra aveva attestato il malessere dei piccoli e stava mettendo in atto un progetto per riportarli a casa. “Questi bambini hanno denunciato e riferito abusi da parte del padre e sono stati puniti per non aver ritrattato– scrivono le promotrici della staffetta di solidarietà sull’evento Facebook- Non possono sentire la mamma e gli sono stati sequestrati, pare, i cellulari. “Questi ragazzi da quando hanno denunciato gli abusi subiti dal padre hanno subito pressioni inimmaginabili dai consulenti del Tribunale che hanno formulato una perizia del tutto falsa, che riporta fatti storici inesistenti con test sono stati manipolati. Si sono conosciuti nel 2003, sposati nel 2008 e separati nel 2018. Unimamme, voi cosa ne pensate di questa vicenda trattata ampiamente da Dire? A tutti i ragazzini sono stati sottratti pc e telefonini e la mamma sostiene che vengano puniti perché non vogliono cambiare le dichiarazioni rilasciate nei confronti del padre. ROMA – Uno sciopero della fame a staffetta per supportare i quattro bambini di Cuneo strappati alla madre e collocati in quattro diverse case famiglie è stato lanciato il 16 luglio da comitato Madri unite contro la violenza istituzionale, MaternaMente, collettivo Donne InCuranti e Maison Antigone. Iscrizione R.O.C. Da giorni non hanno contatti con l’esterno. Ora la madre non li vede più dal 2 marzo scorso anche a causa dell’emergenza coronavirus. Ed è una storia a cui non serve nemmeno aggiungere commento perché sgorga dolore da tutti i pori. LEGGI ANCHE: Allontanati dalla madre dopo gli abusi paterni, fratelli in casa famiglia iniziano digiuno. Partita IVA 03499370835 LEGGI ANCHE: FIGLI COME “BOTTINO DI GUERRA” DI GENITORI IMMATURI: è VIOLENZA E VA PUNITA. Sono la negazione della medicina”, Bernaudo: “Il Governo usi la leva fiscale per far ripartire le imprese”, Individuate 67 aree idonee al deposito di rifiuti nucleari, Slitta all’11/1 la riapertura delle scuole superiori,weekend “arancione”, Scontro in Aula tra ‘rigoristi’ e ‘aperturisti’: scuola fa rima con rimpasto, Nuovo decreto: vietati gli spostamenti, le scuole superiori riaprono l’11 gennaio, Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia. Comunque vada a finire questa storia, ce lo dirà l’iter giudiziario, questo sciopero della fame è la sconfitta di un Paese che ancora una volta appare terribilmente anaffettivo quando si tratta di figli e di infanzia. la nostra redazione: L’iniziativa è stata lanciata dalla deputata del Gruppo Misto Veronica Giannone, che è anche segretario della Commissione Bicamerale per la tutela dell’Infanzia e dell’Adolescenza. ... una relazione della neuropsichiatria rilevava il malessere dei bambini e vagliava un progetto per ... molte associazioni e non solo si stanno interessando a questi quattro figli che per protesta hanno iniziato lo sciopero della fame. PEC: zerouno_srls@pec.it Aderiamo alla staffetta dello sciopero della fame per quattro bambini (fratelli) di Cuneo. E’ un mio diritto, ho intatta la mia responsabilita’ genitoriale. Chiudendo il banner, accetti l'utilizzo di tutti i cookie. Per saperne di più leggi l’informativa. Dal 3 ottobre centinaia di insegnanti, a staffetta, stanno facendo lo sciopero della fame. arrivando a pesarne 17. Poi è cambiato il giudice ed è arrivato il decreto. Home Altre notizie Domani lo sciopero dei servizi pubblici: due presidi a Cuneo e a Verduno, con realtà differenti ma simboliche per il nostro territorio Domani lo sciopero dei servizi pubblici: due presidi a Cuneo e a Verduno, con realtà differenti ma simboliche per il nostro territorio 8 Dicembre 2020 Altre notizie, Primo Piano Versione accessibile di Valter Manzone. L'onorevole Veronica Giannone da il via alla staffetta dello sciopero della fame per i quattro fratelli di Cuneo, allontanati dalla madre e divisi in diverse comunità. Siamo state escluse ingiustamente dalle graudatorie a esaurimento per i ruoli,aperte per alcune e chiuse definitivamente per altre. I bambini si lamentano della qualità del cibo della mensa scolastica e così decidono di fare lo sciopero della fame. I ragazzini sono finiti una comunità, ma poi separati. Questo pensiero, in fase di concretizzazione, è recentemente venuto a Gianni Rinaudo – il maestro elementare braidese, già presidente del circolo di Legambiente – che lo ha affidato alla sua pagina di Facebook, il social network molto utilizzato per veicolare informazioni in tempo reale. Maria ha aggiunto che i figli erano stati creduti soltanto dall’ispettore capo di Cuneo e che lei, in breve tempo era diventata una mamma alienante e border line. Sciopero della fame a staffetta per i bambini di Cuneo strappati alla mamma Torna l'angolo dedicato alle anticipazioni settimanali di Una vita, la tv soap in onda su Canale 5 dal lunedì al venerdì, alle 14:10, e il sabato in prima serata su Rete 4. La madre è angosciata. Penso alla piu’ piccola, Maria  in che stato puo’ aver dormito da sola, a 6 anni, in una casa, con una famiglia che non conosce”. Non è solo ingiusto, è crudele.” La deputata ha anche pubblicato su Facebook  la lettera della figlia maggiore della donna che denunciava la situazione e la decisione di iniziare il digiuno. Accade a Santa Marinella, in provincia di Roma. Numero REA:  ME – 241551. Hanno avuto quattro figli, il più grande frequenta le superiori, la più piccola ha 6 anni. BAMBINI INIZIANO SCIOPERO DELLA FAME IN CASA FAMIGLIA GRAZIE ALL’ENNESIMA DECISIONE CONTRO IL LORO INTERESSE. Accade a Cuneo. La nostra iniziativa- concludono- è anche a totale supporto delle azioni in favore della tutela di questi minori messe in campo da mesi dalla onorevole Veronica Giannone, l’unica ad oggi che si sta concretamente occupando dei casi di figli sottratti alle madri cosiddette protettive. In sciopero della fame dal 10 novembre, Rita Bernardini ha chiesto al Governo di adottare urgentemente delle misure atte a ridurre la popolazione detenuta anche per frenare l’epidemia covid tra detenuti, agenti e … Uno sciopero della fame a staffetta per supportare i quattro bambini di Cuneo già tolti prima alla madre e poi ai nonni paterni per essere collocati in quattro diverse case famiglie. SCIOPERO DELLA FAME PER I BAMBINI DI CUNEO STRAPPATI ALLA MAMMA: L'APPELLO DI EMANUELA NATOLI. L'articolo Sciopero della fame a staffetta per i bambini di Cuneo strappati alla mamma proviene da dire.it. 17th Luglio 2020; Redazione; CRONACA; 2 Comments; Vicenza, 17 luglio 2020 – C’è anche il Veneto e più precisamente l’associazione Movimentiamoci di Vicenza che partecipa allo sciopero della fame a staffetta per supportare i 4 bambini di Cuneo strappati alla madre e collocati in quattro diverse case famiglia. Da quel momento la loro madre, Maria (nome di fantasia) non ha più avuto loro notizie, se non sporadiche e conflittuali. redazione@zerounotv.it, Per la tua pubblicità News, sport, curiosità, live streaming, video, Iniziativa lanciata da comitato Madri unite contro la violenza istituzionale, MaternaMente, collettivo Donne InCuranti e Maison Antigone Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print. Diffondo l'appello dell'amica Emanuela Natoli, Presidente di MovimentiAMOci di Vicenza, che partecipa allo sciopero della fame a staffetta organizzato da comitati ed associazioni, in solidarietà ai quattro bambini di Cuneo ed alla loro madre, la quale non può più averli con sé al momento in quanto … CTRL + SPACE for auto-complete. Sciopero della fame a staffetta a supporto di quattro bambini di Cuneo tolti prima alla madre e poi ai nonni paterni. Abbiamo il dovere di fare qualcosa per questi bambini supportando loro e la loro mamma affinché le istituzioni mettano fine a questo scempio indegno di un paese civile. ROMA – Uno sciopero della fame a staffetta per supportare i quattro bambini di Cuneo strappati alla madre e collocati in quattro diverse case famiglie è stato lanciato il 16 luglio da comitato Madri unite contro la violenza istituzionale, MaternaMente, collettivo Donne InCuranti e Maison Antigone. LEGGI ANCHE: BAMBINO TOLTO ALLA MADRE E CONSEGNATO AL PADRE DEL QUALE HA PAURA. LEGGI ANCHE: ” FERMATE IL DECRETO PILLON, NON DEVONO MORIRE ALTRI BAMBINI COME IL MIO FEDERICO| FOTO. Condividi: Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra) Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra) Uno dei ragazzi ha addirittura registrato alcune minacce subite dai nonni paterni. Estate 2020. Sono solo dei bambini, la più piccola ha sei anni, che non hanno colpe ma vengono trattati come dei carcerati. I bimbi hanno denunciato abusi da parte del padre e sono stati puniti per non aver ritrattato. Cuneo: fa lo sciopero della fame perché "non devono tornare gli ospedali psichiatrici giudiziari" CUNEO. “Non posso sentirli al telefono, rassicurarli che tutto andra’ bene. A Cuneo, quattro fratelli di 6, 11, 14 e 16 anni sono stati separati e rinchiusi in quattro differenti Case famiglia e i due maggiori hanno cominciato lo sciopero della fame perché vogliono tornare a casa dalla loro madre, accusata di alienazione parentale.Il terzogenito ha anche tentato la fuga dalla struttura perché voleva tornare a casa dalla madre e voleva vedere i fratelli. Sciopero della fame a staffetta per i bambini di Cuneo strappati alla mamma, VIDEO | Bar papà, il community blogger contro lo stereotipo del mammo, Catalfo: “Lo smart working non deve relegare le donne a casa”, Festival della Filosofia e ‘macchine’: quando aggiungono bellezza al corpo delle donne, Margherita Cassano eletta presidente aggiunto della Cassazione: è la prima volta per una donna, Violenza sulle donne, dalla commissione su femminicidio ok a relazione su centri antiviolenza, Anelli: “I no vax? Modi alternativi per aderire a uno sciopero della fame. Dai nonni avevano perso entusiamo ed energie, non volevano più studiare, mentre la più piccola aveva perso 6 kg. commerciale@zerounotv.it, Zerouno TV Eventi (canale attivo solo per eventi). Chiunque voglia aderire può farlo dando adesione con nome e cognome entro le ore 12 di domani 17 luglio 2020 al fine di organizzare la staffetta con date e nomi precisi”. Zerouno srls Guido Vitiello 02 dic 2020.