Torino: apre le porte il nuovo Museo Egizio Tomba di Iti e Neferu. Dopo cinque anni di lavori, un investimento di 50 milioni di euro, il primo aprile è stato inaugurato il Museo Egizio di Torino con i suoi nuovi e ampliati spazi espositivi. È una proroga speciale, della durata di ben un semestre, quella con cui il museo Egizio ha deciso di estendere l’apertura della sua mostra temporanea “Archeologia Invisibile”. Dopo tre anni e mezzo di lavori è stato inaugurato il nuovo museo egizio di Torino, che sarà aperto al pubblico da domani, 1 aprile. Suggerimenti e consigli su questo sito: www@comune.torino.it - Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT, alcuni diritti riservati. Dopo tre anni e mezzo di lavori, il 1° aprile 2015 il Museo Egizio di Torino ha aperto al pubblico totalmente trasformato. La mostra “Archeologia Invisibile” nasce dall’incontro fra il lavoro di ricostruzione storica degli archeologi e dei conservatori del museo Egizio sulla propria collezione e gli strumenti mutuati dalle più recenti frontiere dello sviluppo tecnologico. I numeri di questa felice unione sono importanti, a partire dai 50 milioni stanziati per arrivare alla su-perficie espositiva praticamente raddoppiata, che arriva a coprire 10.000 mq dislocati su quattro piani. “Gli imperatori romani visti dalle città delle province / The Roman Emperor Seen from the Provinces (RESP)” è il progetto quinquennale (2021-2026) ideato e guidato dall’archeologo-numismatico Dario Calomino, finanziato dall’Ue con quasi 2 milioni di euro, Trento. L’ambizione di non chiudere mai al pubblico durante questi anni di lavori è stata coltivata e messa in pratica giorno per giorno: dal 1° aprile 2015 il Museo “riapre” il suo percorso museale nella veste rinnovata, coprendo un arco temporale che va dal 4000 a.C. al 700 d.C. Museo Egizio: fiore all’occhiello della città di Torino. Tour privato di 2 ore del Museo Egizio con guida egittologa (a partire da 187,18 USD) Museo Egizio di Torino per singoli (a partire da 46,39 USD) Tour hop-on/hop-off della città di Torino (a partire da 16,22 USD) Tour guidato del Museo Egizio di Torino (a partire da 51,97 USD) Vedi tutte le esperienze di Museo Egizio su Tripadvisor Grazie al virtual tour sarà così possibile esplorare le sale espositive e le vetrine ospitate, “navigandone” tutti gli elementi, dai video ai singoli reperti, da qualunque dispositivo: una novità disposizione di insegnati, studenti, e ovviamente di tutti i visitatori. L’ambizione di non chiudere mai al pubblico durante questi anni di lavori è stata coltivata e messa in pratica giorno per giorno: dal 1° aprile 2015 il Museo “riapre” il suo percorso museale nella veste rinnovata, coprendo un arco temporale che va dal 4000 a.C. al 700 d.C. Il Museo Egizio di Torino è il secondo di importanza mondiale quello del Cairo ed è risultato nel 2018 l’ottavo museo italiano visitato! Museo Egizio: nuovo allestimento - Guarda 24.192 recensioni imparziali, 14.950 foto di viaggiatori, e fantastiche offerte per Torino, Italia su Tripadvisor. ... Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino. La nascita e il cammino del più antico Museo Egizio del mondo. Non soltanto per conoscerne le caratteristiche – del terreno, delle sue stratificazioni, del tipo di sito, dell’insediamento ospitato ecc. Collezione e ricerca Immagini, documenti e informazioni sulla collezione e sulle attività di ricerca . È il caso del corredo funerario della Tomba di Kha, un unicum nella collezione del Museo Egizio con 460 pezzi ritrovati integri e ottimamente conservati: benché giunti a Torino oltre un secolo fa, solo recenti esami diagnostici hanno permesso di iniziare conoscerli a fondo. A ospitare la collezione è da subito il “Collegio dei Nobili”, palazzo costruito su disegno di Michelangelo Garove dal 1679. Da taverna medievale a collegio dei Gesuiti, da Museo Egizio a… nuovo Museo Egizio Analisi Macro XRF sul cofanetto proveniente dal corredo della tomba di Kha scavata da Schiaparelli nel 1906 (foto museo Egizio). ✨ Buon anno a tutti voi! Museo Egizio di Torino : storia del museo Nel 1803, infatti, inviato in Egitto con la carica di Console generale di Francia, iniziò la sua permanenza nella valle del Nilo che durò 30 anni. Il prolungamento copre infatti per intero l’anno scolastico, consentendo così alle classi di inserire la visita dell’allestimento temporaneo fra le “uscite” al museo Egizio programmate nella primavera”. ( Chiudi sessione /  Ecco tutte le anticipazioni presentate on line dagli archeologi del Parco archeologico del Colosseo, Università di Verona. L’analisi del contenuto di un vaso in alabastro con la radiografia neutronica (foto museo Egizio). Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook. “Una scelta quasi inevitabile”, dichiara Evelina Christillin, presidente della Fondazione, “non soltanto dinanzi all’alto gradimento riscontrato dalla innovativa proposta espositiva inaugurata nel marzo 2019, ma anche in virtù delle sollecitazioni giunte in tal senso dalle scuole. “A tu per tu” con la mostra di Natale “Gli apostoli ritrovati. Redatto dallo scriba Amennakht riporta la notizia di proteste avvenute durante il regno di Ramesse III a Deir el-Medina. Nuovo Regno, XX dinastia, regno di Ramesse III (1187a. Dall’utilizzo dell’archeometria nella documentazione degli scavi allo sbendaggio virtuale delle mummie, dalle analisi dei pigmenti pittorici a quelle sui vasi del corredo della tomba di Kha e Merit, le attività di studio e ricerca svolte dal museo rimangono quindi protagoniste delle sale destinate agli allestimenti temporanei al terzo piano del Collegio dei Nobili. E dal giorno dell’apertura il successo di uno dei principali musei cittadini di Torino è stato inarrestabile, macinando record su record in termini di visitatori e appeal, non sono in Italia, ma nel mondo. Tag:Christian Greco, Evelina Christillin, mostra "Archeologia invisibile", museo Egizio di Torino. ( Chiudi sessione /  In questi anni, pur con i lavori, il museo ha ricevuto la gratificazione delle numerose visite (oltre 567.000 nel solo 2014, meglio anche dell’anno olimpico), e si prepara – a un mese dall’Expo – ad accogliere tutti i turisti di passaggio in Italia. “Siamo rimasti molto colpiti dall’interesse che ‘Archeologia Invisibile’ ha saputo suscitare, in particolare nei più giovani, risultando particolarmente adatta, nonché richiesta, dalle scuole”, dichiara Christian Greco, direttore del museo Egizio. ( Chiudi sessione /  “Archeologia Invisibile”, mettendo al centro i temi della ricerca e dell’interdisciplinarietà quali strumenti con cui addentrarsi nella biografia dei reperti egittologici e grazie a una forte impronta divulgativa, ha saputo infatti coinvolgere attivamente il pubblico svelando, con modalità e linguaggi accessibili in particolare alle nuove generazioni, l’affascinante attività di “investigazione” che le tecnologie contemporanee consentono di compiere nello studio di oggetti giunti a noi dal passato. In tale ambito, ad esempio, i recenti sviluppi della fotogrammetria permettono il ripristino virtuale di un contesto archeologico che materialmente potrebbe non più esistere, dando vita a un modello digitale che, “agganciandovi” i dati di scavo, diviene un archivio aggiornabile in tempo reale e facilmente accessibile alla comunità scientifica. I nostri sensi, la vista in primis, ce ne restituiscono informazioni di base come l’aspetto, la dimensione, la forma, il colore, finanche le tracce che l’uomo, la natura o il tempo vi hanno impresso. Il Museo Egizio di Torino è il più antico museo mondiale, interamente dedicato alla civiltà nilotica.In più, è considerato, per valore e quantità dei reperti, il più importante al mondo dopo quello del Cairo. I due volti sono circondati da fiori e boccioli di loto e si stagliano su un bellissimo smalto turchese. È lo scavo il primo fondamentale testimone da consultare in questa vera e propria attività d’investigazione: l’egittologo, al pari del detective di un caso giudiziario, pone le basi della sua indagine nella minuziosa analisi del luogo del ritrovamento. Mahmood ha scelto Torino per girare il video del suo nuovo brano musicale. News, curiosità, ricerche, luoghi, persone e personaggi, Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti, Cosa porta il 2021. In questo arco di tempo, raccolse una notevole quantità di reperti che conservò nella sua casa di Alessandria. Ma anche le stesse mummie di Kha e della sua sposa Merit sono state sottoposte ad accurati accertamenti. Fondato nel 1824, il Museo egizio di Torino è annoverato tra i primi 10 musei più visitati d’Italia e tra i primi 100 al mondo. Quesiti con cui pubblico di “Archeologia Invisibile” si cimenta lungo un percorso espositivo che, con l’ausilio di tali strumenti, invita a guardare oltre il visibile, osservando da vicino i segreti custoditi all’interno degli oggetti, scoprendone aspetti inattesi e trovando risposte talvolta sorprendenti alla propria curiosità come alle domande degli archeologi, nonché ad alcuni rilevanti quesiti della scienza. – ma anche per documentarne, con la massima precisione, lo scenario e il contesto così come si presentava prima dell’avvio del dissotterramento e, soprattutto, della rimozione di quanto rinvenuto. Il nuovo anno porta in dote una bella notizia: la mostra “Archeologia invisibile” al museo Egizio di Torino non chiuderà il 6 gennaio 2020, come programmato, ma il 7 giugno 2020. Dopo 5 anni interi di lavori, il Museo Egizio di Torino si presenta al pubblico in una veste rinnovata. Il progetto “Archeologia Invisibile” muove proprio dall’intento di esplorare l’affascinante dimensione di quell’attività d’investigazione che le moderne apparecchiature, applicate alle modalità d’indagine e ricerca dell’egittologia, consentono di compiere nello studio di un reperto archeologico: grazie alla crescente interazione con la chimica, la fisica o la radiologia, il patrimonio materiale della collezione di Torino rivela di sé elementi e notizie altrimenti inaccessibili, che permettono di tratteggiarne volti ancora ignoti. Con le tomografie neutroniche, effettuate a Oxford presso lo Science & Technologies Facilities Council, si è ad esempio andati alla ricerca del contenuto di sette vasi sigillati realizzati in alabastro, accertandone la natura di recipienti riservati agli altrettanti oli sacri usati per il rito dell’imbalsamazione. Nulla, fra ciò che ci circonda, ne è sottratto, ma quando tale principio viene traslato in ambito archeologico, l’approccio, nel farsi scientifico, comporta un grado di analisi superiore, che poggia proprio sulla conoscenza approfondita del reperto, il cui percorso biografico si amplia: anche l’oblio entra a far parte della narrazione e la vita dell’oggetto si dilata – potremmo forse dire si rianima – col momento stesso del suo ritrovamento e poi, ancora, col suo successivo destino in una collezione, con la sua musealizzazione. È in questo luogo che arriva il nucleo fondante del Museo, quello della collezione Drovetti, acquistate dal re Carlo Felice. A distanza di due anni da quello girato tra le maestose sale di Palazzo Madama per … Uno strumento innovativo e immersivo, sviluppato da alcuni studenti del corso di laurea in Ingegneria del cinema e dei mezzi di comunicazione del Politecnico di Torino in collaborazione con lo studio creativo Robin Studio, che, utilizzando fotocamere a 360°, hanno realizzato una riproduzione 3D dell’esposizione. Ne è un esempio il recente avvio di un lavoro congiunto fra il Museo Egizio, il Bundesanstalt für Materialforschung di Berlino e il Centre for the Study of Manuscript Cultures di Amburgo, in cooperazione con il progetto PAThs di Paola Buzi (Università La Sapienza di Roma). 01/04/2015 - Inaugurato oggi a Torino il nuovo allestimento del Museo Egizio, il cui progetto architettonico porta la firma di Aimaro Isola, Isolarchitetti, Dante Ferretti (scenografie), Paolo Marconi, Giancarlo Battista e Gabriella De Monte (restauro), ICIS (progetto, direzione lavori, strutture e sicurezza), Proeco e Itaca (impianti). La documentazione aerofotogrammetrica dello scavo di Saqqara (foto museo Egizio). Dopo 5 anni interi di lavori, il Museo Egizio di Torino si presenta al pubblico in una veste rinnovata. Goielli di Merit “ritrovati” sotto le bende della mummia con le nuove tecnologie (foto museo Egizio). La proroga della mostra “Archeologia invisibile” si accompagna inoltre al lancio di ulteriori strumenti per la visita: è infatti disponibile sul sito del Museo un virtual tour della mostra. All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco della città, Piero Fassino, il presidente della regione, Sergio Chiamparino, e il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini. Museo Egizio Torino: la visita virtuale. L’inaugurazione del rinnovato Museo egizio di Torino ha coinciso con l’Expo di Milano.Così avvenne anche nel 1898 quando, in concomitanza con l’Esposizione generale italiana a Torino, Ernesto Schiaparelli presentò un nuovo allestimento delle collezioni di cui era diventato direttore quattro anni prima. Conservazione e restauro. ( Chiudi sessione /  Un valore aggiunto importante, che siamo lieti possa continuare a essere apprezzato e approfondito da coloro che visiteranno l’esposizione nei prossimi mesi”. C. – 1157 a.C.), Deir el-Medina. Tempo di lettura: < 1 minuto E’ passato un anno dall’inaugurazione del nuovo Museo Egizio avvenuta il 1°aprile 2015. La mostra “Archeologia invisibile” al museo Egizio di Torino è stata prorogata al 7 giugno 2020, Christian Greco, direttore del museo Egizio di Torino (foto Graziano Tavan). Via Accademie delle Scienze 6, 10123 Torino Email - info@museoegizio.it La collezione è ora raccolta nella mostra «Immortali». Le tre sezioni in cui si articola la mostra – dedicate, nell’ordine, alla fase di scavo, alle analisi diagnostiche, a restauro e conservazione – a loro volta suddivise in dieci sottosezioni tematiche, propongono dimostrazioni concrete delle differenti aree di applicazione di questo connubio fra l’egittologia e le nuove tecnologie, a cui peraltro l’allestimento stesso ricorre, caratterizzandosi con installazioni multimediali e spazi d’interazione digitale per un’esperienza di visita immersiva, supportata da un’audioguida dedicata, realizzata dalla Scuola Holden. Analogamente, l’indagine multispettrale ha consentito di compiere importanti scoperte sulla chimica dei colori utilizzati nell’Antico Egitto, come quella del “blu egizio”, il primo colore sintetico prodotto nella storia dell’umanità. Dall’analisi degli inchiostri e del papiro sono attese informazioni su natura e provenienza dei materiali utilizzati nel laboratorio dello scriba, permettendo di definire gli interventi di restauro. Torino ricorda la Strage di Torino, La Città rende omaggio a Fiorenzo Alfieri, Un memoriale per le vittime del rogo della Thyssen, I simboli della tradizione e la Mole accendono il Natale Solidale, Prosegue il rinnovo della flotta GTT, da oggi in servizio 20 nuovi bus. Un museo di Torino è nuovamente al centro di un video di musica pop. Il Museo Egizio ha inaugurato mille metri quadri incastonati sottoterra nel Collegio dei Nobili dopo 1000 giorni di cantiere: si tratta del nuovo Piano Ipogeo dove sono stati alloggiati mille reperti fra i più importanti della seconda collezione al mondo di antichità egizie. Eppure, tutto ciò non è evidentemente sufficiente a disvelarne l’intera storia e il ciclo di vita, a partire dalla sua origine, né le reali funzioni, i contesti d’impiego, il valore materiale o simbolico e molto altro ancora. Quasi come in una ulteriore fase di scavo, l’impiego sui reperti di tecniche d’indagine riconducibili alla cosiddetta archeometria porta alla luce diversi “strati invisibili” di dati. di Alessandro Roccati. Scopri la nuova, divertentissima Guida per ragazzi. L'egittologo Christian Greco è il nuovo direttore del Museo Egizio di Torino. Il geroglifico di oggi si legge “renep” e corrisponde alla parola egizia per anno. L’archeometria – insieme delle tecniche adottate per studiare i materiali, i metodi di produzione e la storia conservativa dei reperti – rende così possibile “interrogare” gli oggetti, domandare a un vaso, a una mummia, a un sarcofago chi siano davvero e perché oggi si trovino al museo Egizio. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Google. ScatTO, il fotoblog della Citt� di Torino, Antologica di Mastroianni al Museo Diocesano, Piazza Castello sotto una nuova luce per valorizzarne l’architettura e rispettare l’ambiente, 18 dicembre. Museo Egizio di Torino: il nuovo anno porta la proroga di sei mesi della mostra “Archeologia invisibile” che mette al centro i temi della ricerca e dell’interdisciplinarietà per addentrarsi nella biografia dei reperti egittologici. Dopo cinque anni di lavori la civiltà delle Piramidi all'ombra della Mole acquista nuovo smalto. dal numero di dicembre 2015 . Il museo egizio di Torino, a pochi giorni dall'apertura, propone una mostra in collaborazione con il museo di antropologia, attualmente chiuso al pubblico. Lo studio e la conservazione dei tessuti è facilitato dalle nuove tecnologie (foto museo Egizio). Guarda senza limiti i video di Corriere TV: tutte le dirette , l'attualità, le inchieste e l'intrattenimento in tempo reale. Il ministro della cultura Dario Franceschini durante la visita del nuovo Egizio 33 di 52 Dario Franceschini, selfie con il direttore del Museo Egizio Christian Greco